Crea sito

1968

Gli Adoratori della Morte (1968)

by Cabal on feb.18, 2010, under 1968, Exploitation, Horror

Titolo Originale: La Muerte Viviente (Letteralmente: La Morte Vivente)

Regia: Jack Hill, Juan Ibanez

Cast: Boris Karloff, Yolanda Montes

Genere: Horror, Thriller (Sottogenere: Exploitation)

“Vede signor Van Molder, per me la legge è molto semplice: questo è giusto e quest’altro no.” - “Lei sarebbe estremamente sorpreso se sapesse quanti errori si commettono basandosi esclusivamente su questa formula.” - Capitano Labesch e Professor Van Molder

Il capitano Labesch giunge su una piccola isola ad Haiti coi suoi uomini per mettersi in contatto con le truppe già sul posto. Quando scopre che gli indigeni praticano rituali vudù decide di intervenire reprimendo nel sangue la magia nera. Il sacerdote Damballah e i suoi seguaci non esiteranno a reagire pur di riportare sulla terra il dominio del signore oscuro Baron Samedi.

Ho intrapreso la visione de Gli Adoratori della Morte incuriosito dalla presenza nel cast del celeberrimo Boris Karloff ma giunto alla fine sono rimasto interdetto. Non riuscendo a capacitarmi di come risultasse caotico e quasi completamente privo di sceneggiatura questo film, sono andato a documentarmi in merito e ho scoperto un restroscena davvero interessante che in parte ne spiega il motivo. Il produttore Enrique Luis Vergara voleva realizzare quattro film horror a basso budget puntando tutto su una star di grosso calibro come Karloff ma questi non poteva seguire la troupe perchè ormai molto malato e provato dalla vecchiaia. Per questo motivo la sceneggiatura del film subì più volte cambiamenti fino alla tragica morte dell’attore nel 1969 e in seguito dello stesso Vergara, che morì di attacco cardiaco. Juan Ibanez terminò il film ma il budget era ormai superato da tempo. Gli altri film della “quadrilogia” sono: Alien Terror, La Ballata della Morte e Settore Tortura. Con questo non voglio dire che lo scarso livello artistico generale del film sia giustificato, è e rimane un’opera di poco spessore, ma almeno godiamoci il grande Karloff in una delle sue ultime interpretazioni. Tornando dunque ad una analisi possiamo dire che chi riesce a vedere Gli Adoratori della Morte sino in  fondo o si è bevuto una grossa caraffa di caffè o è davvero un grande divoratore di B-Movies. Gli attori, eccetto Karloff ovviamente, sembrano reclutati senza alcun accorgimento e la recitazione è mortalmente piatta. Si procede nella visione con la lentezza di un elefante, appesantita dalle continue scene dei riti vudù che invece di dare freschezza alla trama o alla scenografia incatenano lo spettatore in interminabili danze e ritmi di tamburi che generano fastidio e sonnolenza. L’altra faccia della medaglia è che solo in queste scene possiamo godere delle sensuali movenze e dello sguardo ipnotico da pantera della bella Yolanda Montes, famosa e formosa ballerina messicana che interpreta Kalea. Le battute degli attori sono ridotte all’osso, la trama idem, la regia non aiuta a creare un senso di continuità anche a seguito di un montaggio che sembra casuale. Non voglio addentrarmi nel comparto scenografico perchè è praticamente assente con soltanto qualche scheletro buttato qua e là, un tavolo e due sedie, così come manca una corretta illuminazione degli ambienti. Tutto è buio e gli occhi faticano a distinguere le silhouette ma noi divoratori di B-Movies ecco che improvvisamente cogliamo qualche aspetto positivo per risollevarci. Nel film si respira ampiamente l’atmosfera exploitation, lontana anni luce da qualunque produzione mainstream, affiancata da una forte componente di derivazione blaxploitation, genere in cui il regista Jack Hill ha già messo le mani. Si inquadrano morbosamente i corpi femminili delle donne di colore che appartengono alla setta di magia nera, le si tortura con frustate, le si rende schiave zombi fino a sconfinare in accenni necrofili, con un soldato che tenta di violentarle una volta resuscitate dalla morte. Nel calderone troviamo anche un attore freak che interpreta Santanòn, l’assistente nano di Damballah, sempre circondato da ossa di morti con cui ha costruito anche il suo trono personale. Rendiamo grazie a lui se proviamo un brivido satanico guardandolo agire votato al male. Vogliamo evidenziare la pregevole sequenza dell’incubo di Annabella, drogata dagli stregoni, che tenta di riecheggiare i giochi di luce e la psichedelia di alcune scene del maestro Mario Bava. Chi ama il cinema di genere può gustarsi questi momenti, anche se brevi, tentando di non premere il tasto avanti veloce sul proprio telecomando. Vergara ha evidentemente tentato il tutto per tutto e proprio per questo verrà ricordato. Pregevole il costume semplice ma di impatto del sacerdote Damballah.

Curiosità:

Probabilmente la trama del film ricalca volutamente fatti realmente accaduti: il dittatore di Haiti, Francois Duvalier, nel 1964 lasciò credere al popolo di essere la reincarnazione di Baron Samedi, dio traghettatore dei morti nell’aldilà, per intimorirli e poter governare indisturbato.

Baron Samedi è rievocato anche nel film 007 – Vivi e lascia morire.

Nella versione italiana del film è stata censurata una scena in cui l’assistente Santanòn decapita un pollo e cosparge il corpo di una defunta col sangue per completare il rituale vudù.

L’idea di girare una “quadrilogia del terrore” con poco budget puntando tutto su un attore di grosso calibro fu realizzata da Vergara scritturando l’attore John Carradine per i film Enigma de Muerte, Las Vampiras, Pacto Diabolico e La senora Muerte.


14.271 Comments :, , more...